La preghiera del Credo, una delle più sentite da un cristiano, può essere recitato in due versioni: quella di Nicea-Costantinopoli e il Credo Apostolico.

L’importanza di questa orazione viene testimoniata anche da alcuni scritti risalenti al V secolo d.C., in cui si riporta come agli albori della Chiesa, il Credo veniva ritenuto talmente sacro da proibire una sua riproduzione scritta; preferendo appunto una trasmissione prettamente orale. Da qui, l’assenza pressoché totale di fonti scritte rilevanti.

Oggi giorno, la preghiera del Credo è comunemente in uso durante le celebrazioni liturgiche; viene specialmente impiegata in occasione della Quaresima e nel periodo della Pasqua, cosi come per i battesimi. Prima di vedere i due testi completi, ecco un estratto della versione di Nicea-Costantinopoli.

Credo niceno costantinopolitano

Testo del Credo Apostolico

A seguire il testo del Credo Apostolico oggi in uso:

Io credo in Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra.
e in Gesù Cristo, Suo unico Figlio, nostro Signore,
il quale fu concepito di Spirito Santo nacque da Maria Vergine,
patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, mori e fu sepolto;
discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte;
salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente:
di là verrà a giudicare i vivi e i morti.
Credo nello Spirito Santo,
la santa Chiesa cattolica, la Comunione dei Santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

LEGGI ANCHE: Il Padre Nostro

Credo apostolico

Testo del Credo Niceno Costantinopolitano

Ecco invece la versione più corposa del Credo Niceno Costantinopolitano:

Credo in un solo Dio,
Padre onnipotente,
Creatore del cielo e della terra,
di tutte le cose visibili e invisibili.
Credo in un solo Signore, Gesù Cristo,
unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre prima di tutti i secoli:
Dio da Dio, Luce da Luce,
Dio vero da Dio vero,
generato, non creato,
della stessa sostanza del Padre;
per mezzo di lui tutte le cose sono state create.
Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo,
e per opera dello Spirito Santo
si è incarnato nel seno della Vergine Maria
e si è fatto uomo.
Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato,
mori e fu sepolto.
Il terzo giorno è risuscitato,
secondo le Scritture, è salito al cielo,
siede alla destra del Padre.
E di nuovo verrà, nella gloria,
per giudicare i vivi e i morti,
e il suo regno non avrà fine.
Credo nello Spirito Santo,
che è Signore e dà la vita,
e procede dal Padre e dal Figlio.
Con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato,
e ha parlato per mezzo dei profeti.
Credo la Chiesa,
una santa cattolica e apostolica.
Professo un solo Battesimo
per il perdono dei peccati.
Aspetto la risurrezione dei morti
e la vita del mondo che verrà. Amen.

Spiegazione del Credo

Per una maggiore comprensione della preghiera del Credo, incluso la spiegazione delle due versioni, ti rimandiamo all’articolo di approfondimento.

Preghiera del Credo: origini e spiegazione

A proposito dell'autore

Il portale interamente dedicato al mondo della Fede Cristiana. Contattaci se vuoi scrivere sul blog o semplicemente per suggerirci una preghiera da pubblicare.